Vai ai contenuti

Menu principale:

Produzione verso lo 'zero difetti'

Aree Tematiche

LA PRODUZIONE VERSO LO 'ZERO DIFETTI'  


La finalità del presente argomento è quella di ricordare alle aziende industriali, e soprattutto alle PMI, una terza Leva che può risultare determinante per la loro competitività in un mercato sempre più globalizzato.
Si tratta di saper progettare, sviluppare, ingegnerizzare prodotti, lavorare e controllare con continuità i vari processi produttivi
propri e dei fornitori, così da immetterli sul mercato con la certezza (o quasi) che nessuno di essi risulterà con difetti. E con gestione adeguata delle Conformità alle Leggi e alle Norme per la RCP (Responsabilità Civile Pprodotti); in coincidenza pure  con un recente e più stringente regime di sentenze giudiziarie possibili per le specifiche leggi e le normative europee e nazionali.

Per ottenere questo scopo le aziende dovrebbero poter adeguare i propri processi di sviluppo e produttivi a delle metodiche accurate e già disponibili. In aggiunta potrebbero dotarsi anche di adeguati ‘sensori’ di processo che segnalino ‘in itinere’ lo scostamento dalle specifiche o tolleranze e quindi la probabile non conformità finale. Tali segnalazioni preventive potrebbero far decidere ed effettuare tempestivamente le opportune azioni correttive.
Anche in tale contesto il ricorso alle specifiche risorse di conoscenza, intelligenza, collaborazione, elaborazioni scientifiche e gestionali ora disponibili dalle tecnologie ICT può risultare determinante, se ben utilizzate.

COSA FARE ?

Occorre definire e coordinare piani di iniziative con orizzonte pluriennale.

1) Promuovere di più lo “Zero defects manufacturing”.
Oltre che con seminari e congressi, ad esempio con la costituzione di ‘gruppi di eccellenza’ in materia di Zero Difetti, per favorire la diffusione delle migliori conoscenze e pratiche/esperienze per la gestione ottimizzata dei processi produttivi.

2) Cercare di attivare azioni interne alle imprese per analizzare e migliorare la Progettazione e la Lavorazione dei Prodotti.

3) Valutare e favorire la creazione di piattaforme tecnologiche/formative comuni di “Zero defects e.Learning”

4) Valutare e favorire la creazione di eventuali piattaforme tecnologiche applicative /ICT comuni per la gestione operativa dei processi in chiave di “Zero defects manufacturing”..

Continua sul  documento allegato...

Torna ai contenuti | Torna al menu